Carnevale di Lamezia Terme 2019: programma e date per la sfilata dei giganti dell’allegria

522

carnevale lamezia 2019

Il Carnevale di Lamezia Terme fa parte della tradizione calabrese e meridionale delle feste in maschera fin dagli anni sessanta.

Nella bellissima Calabria questa festa, oltre alla classica sfilata dei carri di carnevale, le maschere tradizionali create da famosi maestri cartapestai, prevede anche musica e balli, artisti di strada, spettacoli itineranti e, naturalmente, buon cibo per far divertire le migliaia di persone che ogni anni si recano in città per il carnevale lametino.

L’edizione 2018 della manifestazione mascherata quest’anno si è terrà il 8, 11 e 13 Febbraio, una occasione per festeggiare anche il 50° anniversario dell’evento.

L’evento è organizzato dall’Associazione Culturale Carnevale di Lamezia, in veste di curatori per la 7° volta quest’anno.

I giganti dell’allegria, così vengono chiamate le gigantesche maschere di cartapesta, hanno sfilato per le vie del centro storico accompagnati da gruppi mascherati.

Le maschere rappresentano sia personaggi della tradizione locale e nazionale sia personaggi di attualità o della cultura pop.

Una delle maschere immancabili è Capitan Latermino, simbolo della città e del Carnevale di Lamezia Terme.

Se vi siete persi la sfilata di carri allegorici di febbraio potrete rifarvi quest’estate.

È, infatti, giunto alla sua 4° edizione il Carnevale Estivo di Lamezia Terme.

Si svolgerà in prossimità del Ferragosto sul lungomare Falcone e Borsellino e si tratta di un carnevale sotto le stelle il cui programma completo di quest’anno non è ancora definito nel dettaglio ma prevede naturalmente costumi, maschere di carnevale e veglioni mascherati, adatti sia ai bambini sia agli adulti.

Storia del Carnevale di Lamezia Terme

L’edizione del 2018 segna il cinquantesimo anno di storia del Carnevale di Lamezia Terme.

La prima edizione si è tenuta nel 1965 e, da allora, diverse associazioni si sono passate il testimone di quello che è diventato un evento storico a tutti gli effetti.

I carri allegorici e le maschere di carnevale, guidate da Capitan Latermino, hanno rappresentato, grazie alla fantasia e bravura dei mastri cartapestai, la storia d’Italia e della Calabria, sia politica che culturale.

Altro personaggio della commedia dell’arte tipico della regione Calabria è Giangurgolo, le cui origini si possono fare risalire agli inizi del XVII secolo.

Booking.com

Il nome Giangurgolo è formato da due parole: “gian” che significa scherzare e “gurgolo” che significa persona spaccona e che ama parlare troppo.

Alcune fonti storiche sostengono che non si tratti di un personaggio di fantasia ma di una persona in carne e ossa nata a Catanzaro alla fine del cinquecento.

Altra maschera molto popolare in Calabria è quella di Rosinella che viene sempre rappresentata con le forbici in mano, non per lavorare ma per tagliare e cucire i pettegolezzi del paese.

Al Carnevale di Lamezia Terme non mancano naturalmente i carri di carnevale dedicati ai più piccoli, con i personaggi dell’animazione più popolare.

Tutti, grandi e piccoli, saranno contagiati dall’allegria della festa, e da quest’anno, oltre alla lotteria di carnevale, è stato indetto un concorso che premierà il gruppo di persone più numeroso che riuscirà a travestirsi in tema a uno dei carri presenti.

Carri allegorici del Carnevale di Lamezia

I carri allegorici del Carnevale di Lamezia Terme hanno permesso a questa festa di entrare nella classifica dei carnevali più belli d’Italia, non solo per le migliaia di persone coinvolte ma soprattutto per la bellezza e creatività dei suoi giganti dell’allegria, le grandi maschere in cartapesta che sfileranno tra le vie del centro storico della città.

Essendo quest’anno un importante anniversario del carnevale lametino, il cinquantesimo, uno dei carri era dedicato proprio al carnevale stesso.

Presente poi un carro allegorico dedicato al premio Oscar Carlo Rambaldi, nato in provincia di Ferrara ma residente da molti anni a Lamezia Terme, dove è morto del 2012.

Carlo Rambaldi era un noto creatore di effetti speciali, basti pensare che è stato lui a creare un pupazzo di 12 metri di altezza per il King Kong del 1976 e il braccio meccanico a dimensioni naturali usato nelle riprese del film, negli anni seguenti ha creato E.T., il più famoso degli extraterrestri ed Alien.

Altri carri allegorici presenti alla manifestazione dell’edizione 2018 rappresentavano Asterix e Obelix, Shrek, Futurama e Cenerentela.

Ulteriori carri invece erano dedicati alla musica con band che suonavano dal vivo seguite dal pubblico e trampolieri.

Oltre al divertimento, in questa festa in maschera potrete gustare i prodotti tipici della tradizione calabrese.

La parola carnevale significa, come suggerisce il nome, levare la carne poiché superato il Martedì Grasso sarebbe iniziato il periodo della Quaresima.

Tra le specialità di questo periodo di festa ci sono molti cibi fritti come le chiacchiere di carnevale; uova e zucchero impastati e aromatizzati con grappa e agrumi e poi fritti e cosparsi di zucchero a velo.

Programma del Carnevale di Lamezia 2019

Per tutte le informazioni sulle date e sul programma del Carnevale di Lamezia Terme, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale della manifestazione carnevalesca calabrese.

CONDIVIDI