Carnevale di Civita Castellana 2019: date e programma della sfilata dei carri allegorici

5322
carnevale civita castellana 2018
Carnevale di Civita Castellana 2018 – Foto: www.tusciaweb.eu

Il Carnevale di Civita Castellana viene definito come la manifestazione carnevalesca più allegra del Centro Italia.

L’energia che si avverte dalle sfilate e dagli eventi collaterali è davvero molta e non si trova facilmente altrove.

Difficile stabilire se questo sia vero, ma certamente l’evento incanta gli spettatori.

Sarà per la suggestiva cornice del piccolo centro in provincia di Viterbo o per i carri e le maschere che sfilano in un serpentone di luci, colori e coriandoli, oppure per entrambi gli ingredienti.

Sicuramente il Carnevale Civitonico, come lo chiamano gli abitanti del comune viterbese, permette di tornare alle radici, di uscire dal proprio personaggio e vestire i panni di qualcun altro.

Booking.com

La musica fa venir voglia di danzare, mentre i carri allegorici con le creazioni in cartapesta danno sfogo alla fantasia, combinandosi con le sculture di tessuti realizzate con ricercatissimi costumi e fanno sognare grandi e piccoli.

A confermare la gioia sono i volti sorridenti chi vive le attività programmate di anno in anno.

La storia e la modernità si fondono in un turbinio di emozioni.

Il Carnevale di Civita Castellana come lo si può vedere oggi vanta 50 anni di storia, ma alcune note lasciate da autori locali portano ai secoli passati, anche se non si trovano moltissime notizie su come si svolgeva in passato la manifestazione con maschere e carri.

Storia del Carnevale di Civita Castellana

storia carnevale civita castellana 2018
Carnevale civitonico – Foto: www.visitlazio.com

Nel 1833 Gaetano Gigliotti scriveva il suo Elogio storico di Carnevale per il funerale del Re delle Maschere organizzato in quell’anno dalla ”società di beoni”.

Non ci sono documenti sull’origine della manifestazione e neppure notizie provenienti dai secoli precedenti, ma lo scritto ottocentesco riporta un’attività che coincide con quella che oggi è il Rogo del Puccio che chiude il carnevale locale.

Il Re muore e viene cremato, chiudendo ogni festeggiamento, ogni follia in maschera. Il rituale tradizionale prevede che le regole, il potere e le convenzioni subiscano un’inversione ed è per questo che O’Puccio viene bruciato.

Il pupazzo di cartapesta alto 3 metri viene mandato al rogo durante la grande festa del martedì grasso, perché il carnevale simboleggia proprio il passaggio rituale importante dalla notte dei tempi.

Il carnevale chiude la sua esistenza, a rappresentare la fine della stagione passata, che viene annientata.

Questo concetto non è tipico solamente del Carnevale di Civita Castellana, ma delle manifestazioni europee ed extraeuropee.

Successivamente al falò vanno in scena i fuochi d’artificio. A modellare l’evento che oggi si vive sul territorio sono stati gli organizzatori che a metà del XX secolo si sono riuniti ideando un percorso che viene rispettato a ogni edizione, ma soprattutto stabilendo le modalità di svolgimento.

Va sottolineato che è proprio nel secolo scorso che si è iniziato a definire come chiudere la manifestazione, come inscenare il rogo.

I Pucci sono, secondo il dialetto civitonico sono i feticci di cartapesta e per dare fuoco alla figura del monarca si usano fascine, così che possano ardere facilmente e velocemente.

Un’altra tradizione che si ripete annualmente è il Pranzo del Purgatorio, nato però a Gradoli, piccolo comune a poco distante da Civita Castellana. Il convivio di magro e pesce annuncia il decesso del Carnevale e annuncia la Quaresima.

Carri del Carnevale di Civita Castellana

Nella giornata destinata alla sfilata dei carri del Carnevale di Civita Castellana, si potrà assistere allo schieramento su Via Gratiliano e Piazza della Liberazione, nella parte nuova della cittadina, da dove parte il corteo che si addentra nel cuore del paese, per raggiungere piazza Matteotti.

Come in ogni manifestazione carnevalesca che si rispetti, i carri non devono solamente divertire il pubblico con le proprie creazioni, ma competere per conquistare il titolo di vincitore dell’edizione.

Ogni carro allegorico è una vera e propria opera d’arte artigianale realizzata da squadre di appassionati, di maestri della cartapesta e da bravi meccanici che mettono a punto sistemi e figure davvero strabilianti.

La preparazione dura alcuni mesi e coinvolge i vari gruppi del piccolo centro. Si immagina facilmente come i vari concorrenti mettano in scena sfottò, attacchi al buoncostume e la goliardie tipiche delle giornate carnevalesche trascorse nel tentativo di contendersi il premio da parte della giuria degli esperti.

Non manca naturalmente il divertimento, che è la vera chiave di lettura di ogni edizione.

Ad accompagnare i carri del Carnevale di Civita Castellana ci sono le maschere, singole, in coppia o in gruppo, ognuna delle quali concorre per diventare la migliore dell’anno.

I costumi vengono preparati con creatività e tessuti colorati e di grande effetto.

Abili mani misurano, cuciono e realizzano gli abiti dei più disparati personaggi provenienti dalla storia, dalla fantasia e dall’attualità, creando una linea di continuità con i carri.

Sono le stesse fazioni a presentare concorrenti per ogni premio in palio, candidandosi a diventare i dominatori dell’edizione e a ripetere l’esperienza del tentativo di riconquistare il titolo.

Intrattenere, stupire, ammaliare, sono queste i compiti di maschere e carri che sfilano tra luci e coriandoli per le vie cittadine coinvolgendo adulti e bambini per dare loro emozioni.

Non mancano neppure gadget e caramelle lanciate dai carri del Carnevale di Civita Castellana per conquistare il pubblico e convincere i giurati. Del resto a carnevale ogni scherzo vale.

Date del Carnevale di Civita Castellana 2019

carnevale civita castellana 2018 date

Le date del carnevale civitonico 2018 saranno quelle del 17 gennaio 2018 e 04-11-13 febbraio 2018.

L’installazione del Puccio sarà effettuata in Piazza Matteotti il 17 gennaio mentre le sfilate delle maschere e dei carri allegorici si svolgeranno nelle seguenti giornate:

  • 4 febbraio 2018 – ore 14.30
  • 11 febbraio 2018 – ore 14.30
  • 13 febbraio 2018 – ore 14.30

Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale della manifestazione.

CONDIVIDI