Carnevale di Offida 2019, la festa de “Lu bov fint”

939
carnevale offida 2019
Carnevale di Offida 2019 – Foto: Ignacio Maria Coccia

Il Carnevale di Offida è una delle feste della tradizione marchigiana per eccellenza. Il piccolo borgo in provincia di Ascoli Piceno è famoso in tutta la regione per questo appuntamento annuale tra divertimento, spettacoli, coriandoli e folklore. Una manifestazione che accende letteralmente il centro storico offidano con un programma che va dal giorno di Sant’Antonio Abate fino al martedì grasso, ricchissimo di eventi, spettacoli, maschere e allegria.

Il Carnevale storico di Offida è una combinazione di storia e festa ed è conosciuto soprattutto per il cosiddetto Lu bov fint che va in scena il venerdì grasso e la sfilata de Li Vlurd il martedì grasso, due appuntamenti immancabili per chi abita nell’ascolano e anche per moltissimi del circondario marchigiano.

Il borgo dà il benvenuto al clima carnevalesco il 17 gennaio di ogni anno, quando ricorre Sant’Antonio Abate, seguendo poi un iter molto preciso che si articola su varie domeniche, prima quella degli amici, poi la domenica dei parenti e poi l’inizio vero e proprio del carnevale tra riti, sfilate e veglioni a teatro.

In particolare, il venerdì grasso va in scena una specie di corrida con gli offidani vestiti con il tipico guazzarò, ovvero un saio bianco correlato di un fazzoletto rosso al collo. Le congreghe, ovvero i vari gruppi in maschera, scandiscono ogni appuntamento del carnevale storico, ricevendo anche le chiavi della città direttamente dalle mani del sindaco nel giorno del giovedì grasso, per poi riconsegnarle il martedì.

Anche lo spettacolo del martedì è molto suggestivo, con una vera sfilata di fasci di canne infuocati per tutto il paese per poi salutare il carnevale con un grande falò al centro della piazza principale.

Si tratta, insomma, di una vera festa del popolo, in cui a regnare sovrano sono il divertimento, la musica e l’allegria, ma anche la capacità delle grandi congreghe offidane di mantenere vive le proprie tradizioni popolari coinvolgendo chiunque nei giorni del carnevale capiti a Offida o decida di partecipare a uno degli appuntamenti del carnevale.

Storia del Carnevale di Offida

carnevale di offida storia
Carnevale di Offida – Foto: https://gateawayblog.wordpress.com

Il carnevale ha origini antichissime che spesso si riferiscono ad antichi rituali religiosi propiziatori che coincidevano con il nuovo anno e l’inizio della bella stagione.

Il carnevale di Offida trova i suoi natali nel 1500 e si svolge seguendo delle regole ben precise, tramandate nei secoli e seguito sempre con moltissima partecipazione.

Il calendario si presenta denso di eventi a partire proprio dal 17 Gennaio, primo giorno di Carnevale e ricorrenza di Sant’Antonio Abate. In questo giorno si formano le Congreghe, vere e proprie delegazioni di parenti e amici che hanno il compito di movimentare la festa e di coinvolgere le persone.

Ogni congrega di maschera in modo differente e riconoscibile dalle altre con una propria fanfara in modo da animare e dare vita a piccole farse propiziatorie incentrate principalmente sui temi della virilità e della fertilità ad un ritmo di musica sempre più incalzante.

Le Congreghe vivacizzano la Domenica degli Amici due settimane prima del Carnevale di Offida e la Domenica dei Parenti una settimana prima.

Booking.com

Il Giovedì grasso si svolge all’insegna del divertimento dei più piccoli con la Mascherata dei bambini, protagonisti assoluti di un pomeriggio nella prestigiosa sede del Teatro Serpente Aureo in cui si sfila e si balla rigorosamente in costume e in maschera.

Nello stesso giorno avviene la consegna delle chiavi da parte del sindaco ad una congrega per onorare la festa che prosegue la sera all’insegna della spensieratezza, dell’allegria e della convivialità.

Il carnevale di Offida è noto anche per Lu Bov Fint (il bove finto) del Venerdì e la sfilata dei Vlurd.

La processione dei Vlurd accesi consistenti in fasci di canne impagliati e incendiati è una tradizione che vede l’esordio nel 1814 che culmina nella camminata, ossia un enorme falò realizzato con tutti i Vlurd ammucchiati in un unico punto.

La sflilata dei Vlurd si svolge il Martedì grasso al culmine delle manifestazioni carnevalesche, scandite per tutto il tempo dai Veglionissimi, appuntamenti d’intrattenimento in cui si abbandonano regole e convenzioni sociali, e dai carri allegorici.

La maschera tipica è il Guazzaro, un saio di tela bianco guarnito da un fazzoletto rosso al collo, antico abito da lavoro per la campagna.

Il Bove Finto del carnevale di Offida

Al centro del carnevale di Offida vi è la manifestazione de Lu Bov Fint che riprende una caccia al toro che nei tempi andati vedeva come protagonista un toro vero, mentre ora è finto.

La “caccia” s’inserisce tra i veglionissimi e il Venerdì grasso nelle prime ore del pomeriggio viene allestito un finto bue su un’intelaiatura di legno e ferro rivestita da tessuto bianco con guarnizioni rosse e testa dell’animale, portato da uomini per le vie del paese.

Il tutto è seguito da una folla di giovani che indossano il tipico guazzaro simulando una sorta di corrida in cui l’animale combatte contro tutti.

Il bove viene istigato da urla e schiamazzi della folla ad un ritmo sempre più concitato e incalzante.

I portatori guidano l’animale che si esibisce in giravolte, incornate e corse che esprimono la sua furia durante il quale non mancano momenti di tensione e panico dovuti all’ebrezza provocata dal vino abbondante come in un moderno baccanale.

All’imbrunire il bove viene ucciso simbolicamente, facendo toccare le sue corna sulle colonne del municipio, dove si può vedere il gancio a cui si legava il vero animale e successivamente portato in processione il trofeo per le vie del paese sulle note di Addio Ninetta Addio inno del Carnevale di Offida.

Non si conosce l’origine della manifestazione e molti sostengono che si tratta della rievocazione di antiche corride relative all’influenza della dominazione spagnola del vicino regno di Napoli; altri sostengono che si tratti di un’ antica usanza finalizzata ad allietare le mense di più poveri nell’ultimo giorno di carnevale con l’uccisione del bue precedentemente cacciato.

Ancora una volta storia e colore locale animano il Carnevale.

Programma Carnevale di Offida 2019

programma carnevale offida 2019

Mercoledì 17 Gennaio – S. Antonio

Apertura Ufficiale del Carnevale 2018

Domenica 28 Gennaio

Centro Storico dalle ore 15,00
– Domenica degli amici –
Musica e allegria
con le Storiche Congreghe offidane

Sabato 3 Febbraio

“Bentornato Carnevale” festa del Tesseramento socio Pro Loco Offida

Domenica 4 Febbraio

Centro Storico dalle ore 15,00
– Domenica dei Parenti –
Musica e allegria
con le Storiche Congreghe offidane

Giovedi Grasso 8 Febbraio

Ore 12,00 Sala Consigliare
Consegna delle chiavi della Città da parte del Sindaco, ad una delle Storiche Congreghe offidane
Ore 15,00 Teatro Serpente Aureo
– BAMBINI IN MASCHERA –
Ingresso omaggio a tutti i bambini concorso a premi per bimbi in maschera
Dalle ore 22,00 Centro Storico
Musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane

Venerdi 9 Febbraio

ORE 09.00 bov fint dei piccoli
ORE 10.00 bov fint dei ragazzi
Ore 14,15 – lu Bov Fint

Sabato 10 Febbraio

Ore 22,00 – Teatro Serpente Aureo
– VEGLIONISSIMO –

Domenica 11 Febbraio

Dalle ore 15,00 Centro Storico
Musica e allegria con le Storiche Congreghe offidane
Ore 22,00 – Teatro Serpente Aureo
VEGLIONISSIMO MASCHERATO
(con relativo concorso a premi per i gruppi che si esibiranno sul palcoscenico)

Lunedì 12 Febbraio

Ore 22,00 – – Teatro Serpente Aureo
VEGLIONISSIMO di CARNEVALE
Martedì 13 Febbraio – CARNEVALE –
Piazza del Popolo
ORE 15,00 – MASCHERE IN FESTA – (concorso a premi miglior gruppo)
ORE 19,00 accensione “VLURD”

CONDIVIDI