Carnevale di Borgosesia 2019: Peru Magunella, la Gin ed il Mercu Scûrot

1220
carnevale borgosesia 2019
Carnevale di Borgosesia – Foto. Francogiola/Instagram

Cent’anni e non sentirli! Il Carnevale di Borgosesia è una manifestazione dalla tradizione secolare dove passione, allegria e uno sbalorditivo spettacolo pirotecnico sono le caratteristiche della piccola città in provincia di Vercelli, Piemonte.

Non avete scuse per non scoprire il carnevale borgosiano: il clima di festa sconvolge le vie del centro della tranquilla città con cortei di maschere e sfilate di carri allegorici in cartapesta per un mese intero, da domenica 21 gennaio 2018 fino a mercoledì 14 febbraio 2018.

Lo spettacolo è speciale perché è l’unico carnevale in tutta Europa che celebra il Mercu Scûrot ovvero il Mercoledì delle Ceneri.

La maschera è rappresentata in frac, cilindro e mantella nera. Tutti i carnevali di rito romano terminano martedì grasso, fatta eccezione per il carnevale borgosesiano che vive il suo momento culminante nel primo giorno di Quaresima quando mette in scena un lungo corteo per il funerale al Carnevale.

Fra le tante maschere, due sono quelle storiche: Peru Magunella e la volubile moglie Gin Fiammàa.

Il Carnevale di Borgosesia è famoso per essere una manifestazione corale in quanto coinvolge tutta la popolazione: laboratori, scuole, commercianti, le realtà territoriali, professionisti e semplici appassionati della festa più gioiosa che c’è.

Altri due storici appuntamenti rendono la manifestazione in maschera di Borgosesia uno spettacolo unico: la Busecca in Piazza quando nella piazza principale del paese sono cotte circa 8.000 porzioni del tradizionale piatto a base di trippa e il Magunella Bierfest, due giorni all’insegna dell’enogastronomia bavarese. Non vi resta che armarvi di “cassù”, il tipico mestolo di legno per bere il vino e vivere il Carnevale di Borgosesia da protagonisti!

Storia del Carnevale di Borgosesia

carnevale borgosesia storia
Carnevale di Borgosesia – ele_cigo94/Instagram

Se vi piacciono le maschere, le sfilate dei carri allegorici, le bande musicali e avete voglia di una pioggia di coriandoli, dovete partecipare al Carnevale di Borgosesia, evento che il Ministero dei Beni Culturali ha inserito fra i più grandi carnevali storici d’Italia.

Le prime testimonianze documentate sulla festa per eccellenza della città risalgono ai primi anni del 1700: un gruppo di suonatori di violino si muoveva lungo le vie di Borgosesia e seguiva il capo del Carnevale.

Nel 1854 nacque la tradizione del Mercu Scûrot ovvero lo scherzoso funerale dell’evento.

Un gruppo di persone, mascherate in frac e cilindro, devono osservare una penitenza cioè sostare e bere con il “cassù” a ogni osteria che incontrano per lenire il dolore della fine del carnevale e prepararsi “in spirito” alla cremazione del fantoccio carnevalesco.

Nel 1855 fu istituita la maschera di Peru Magunella (in precedenza era un fantoccio di paglia chiamato genericamente “Carnevale”) che tre decenni dopo ebbe in moglie Gin Fiammàa, sposa focosa.

Booking.com

Dal 1887, lungo il corso mascherato del carnevale borgosiano si rivive la “storia dolorosa” di questa strana coppia.

In realtà, le tribolazioni del Peru rappresentano i disagi quotidiani della collettività.

Le maschere, i carri allegorici di cartapesta, i pranzi luculliani sono accompagnati dal gruppo folkloristico Città di Borgosesia che ha riportato in auge la bellezza del costume locale del 1600 e dei canti ultracentenari.

Sono tanti i carnevali di questa cittadina piemontese rimasti nella storia, forse quello più bello di tutti risale al 1937 cioè il Carnevale del cinquantenario del matrimonio di Peru e Gin e del primo corso mascherato. I carri di cartapesta furono magnifici e richiamarono oltre 20.000 persone.

Particolare il Carnevale del 1952 quando il Peru arrivò in elicottero e una delle quattro sfilate si svolse in notturna. Nel 1974 prese vita la tradizione della “Busecca in Piazza” e due anni dopo nacque il Palio dei Rioni.

Maschere del carnevale borgosesiano

maschere carnevale borgosesia 2019
Maschere del Carnevale di Borgosesia – Foto: Valentinag82/Instagram

Fu Battista Mongini a dare una fisionomia definitiva a Peru e Gin.

Il Peru, fin dalla nascita, indossa un frac marrone abbottonato sul davanti, ampio bavero, panciotto bianco, camicia bianca con collo a punta, catena color oro, pantaloni verdi alla zuava, fascia multicolore, scarpe di cuoio e cilindro grigio chiaro per simboleggiare la sua supremazia sugli altri cilindrati.

Gin Fiamàa è un’elegante campagnola il cui vestito è notevolmente cambiato nel tempo fino a diventare un abito di fine ottocento.

Tra i personaggi fissi: il Giullare, i Menestrelli, il Gran Ciambellano. Ci sono poi le maschere rionali, fra cui il Senator di Cravo, l’Avucat di Cartiglia, il Mago dal Burghett di Sassola, il Pestapauta di Valbusaga, il Mun della Fornace, il Ganassa di Pianezza.

Carri del Carnevale di Borgosesia

Grande attrattiva del carnevale sono i carri allegorici che stupiscono grandi e piccini con macchinazioni di grande maestria.

A sfilare per le vie del centro sono in cinque e inscenano una scherzosa battaglia con coriandoli e stelle filanti per aggiudicarsi lo stendardo ricamato del Palio dei Rioni.

Mentre le maschere e i costumi concorrono per il Minipalio delle Mascherate.

La grande partecipazione a questi eventi coinvolge gli spettatori che non riescono a rimanere indifferenti e partecipano alla festa con grande trasporto e divertimento.

Programma Carnevale di Borgosesia 2019

programma carnevale borgosesia 2019
Programma del Carnevale di borgosesia – foto: www.carnevaleborgosesia.it

Il Carnevale di Borgosesia è puro divertimento, sfilate, bande musicali, fuochi d’artificio, calore e buon cibo.

Almeno una volta nella vita dovete partecipare all’evento in provincia di Vercelli.

I festeggiamenti iniziano domenica 21 gennaio con l’arrivo del Peru, da giovedì a domenica si svolge il Magunella Bierfest, un appuntamento imperdibile per i golosi che il 28 gennaio assistono al primo corso mascherato.

Sabato 3 febbraio è in programma “Oggi mi vesto come mi pare” e lo strabiliante veglionissimo mascherato.

Domenica 4 febbraio si può assistere al secondo corso mascherato, mentre martedì 6 febbraio c’è la serata teatrale.

Dopo il ballo dei bambini l’8 febbraio, sabato si svolge l’attesissimo “Gran galà del Sab Gras”.

Domenica 11 febbraio via al terzo corso mascherato con l’assegnazione del premio del Palio dei Rioni e del Minipalio per le maschere a piedi.

La stratosferica conclusione è affidata all’imperdibile funerale Mercu Scûrot il mercoledì delle Ceneri. I partecipanti, uomini e donne, indossano frac, cilindro, gala bianco e mantella nera e si armano di “cassù”, il mestolo di legno per bere il vino offerto dalle postazioni lungo le vie della città e assistere alla pittoresca sfilata.

Alle 21.00 c’è la fiaccolata con arrivo in Via Duca D’Aosta dove si esegue la lettura del Testamento del Peru e il rogo della maschera. Il Carnevale si chiude con un favoloso spettacolo pirotecnico.

Per tutte le informazioni e le date sul programma del Carnevale di Borgosesia 2019, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale della manifestazione carnevalesca piemontese.

CONDIVIDI