Carnevale di Carignano 2019: programma della sfilata dei carri allegorici

1619
carnevale di carignano 2018
Sfilata al Carnevale di Carignano

Il Carnevale di Carignano, la piccola città del Piemonte in provincia di Torino, risulta essere uno delle feste in maschera più antiche e belle d’Italia.

La manifestazione mascherata quest’anno avrà luogo dal 3 al 13 Febbraio 2018 e ogni anno attira un gran numero di turisti e curiosi.

Oltre alla tipica festa in maschera fatta di coriandoli e sfilate di carri allegorici presentati da sei borghi locali, prendono parte al carnevale storico anche diversi gruppi folkloristici che animano la festa con balli e musica.

La prima giornata del carnevale carignanese si apre con il gran corso mascherato nel quale vengono presentati la Castellana e il Gran Siniscalco; seguono altre quattro giornate di sfilate in maschera che si svolgono per le principali vie del centro storico.

Una particolarità tipica del carnevale carignanese è il gran corso mascherato in notturna che si tiene il sabato precedente al Martedì Grasso (sabato 10 febbraio 2018) e, sempre nella stessa serata, si svolge il veglionissimo di carnevale con la conseguente premiazione delle maschere più belle.

Il Carnevale di Carignano si conclude di Martedì Grasso con la premiazione dei carri allegorici.

Storia del Carnevale di Carignano

carnevale carignano 2018 storia

Tra le feste di carnevale più belle, grande attrazione è il Carnevale di Carignano.

La sua storia affonda senza dubbio le radici nel periodo classico, quando il carnevale è agli esordi con i riti dionisiaci in onore del dio Dioniso, ma di questi tempi remoti non si ha alcuna traccia.

Alcuni documenti sul carnevale risalgono al medioevo e le fonti storiche parlano di giovani che organizzavano feste di carnevale.

Booking.com

Probabilmente nel corso dei secoli e anche in relazione al declino del comune, i festeggiamenti si andarono affievolendo.

La ripresa del carnevale avviene nel 1952 in piena fase del dopoguerra, con la voglia di ricominciare e di dimenticare la tristezza del periodo precedente, i carignanesi riscoprono il gusto di fare il Carnevale, al quale riservano un posto privilegiato da tramandare alle generazioni future.

Non mancano le maschere tipiche, le sfilate di carri allegorici e il divertimento che invade le vie del centro.

Maschere tipiche del Carnevale di Carignano

carnevale carignano 2018 maschere tipiche

La sfilata del Carnevale per le vie del centro di Carignano, si apre con la Castellana e il Gran Siniscalco, maschere simbolo del paese, due personaggi nati nel 1952, da una leggenda legata in parte all’epoca medievale e in parte alla fantasia.

La tradizione vuole che i due personaggi siano accompagnati dai duchi Bianca Paleologo e Carlo I di Savoia, e dalla “nobile corte” del Castello di Carignano, in sontuosi abiti rigorosamente ricostruiti su modelli del tardo Quattrocento. I duchi attraversano le vie del borgo a bordo di una cocchio tra la folla festante. Il corteo prosegue con le maschere e con i carri allegorici.

Carri del Carnevale di Carignano

Grande attrattiva del carnevale di Carignano sono i carri allegorici.

Le grandi macchinazioni in cartapesta affascinano da sempre grandi e piccini, soprattutto se dotati di meccanizzazione e per la fragilità del materiale.

I lavori sono affidati a professionisti e l’allestimento dei carri è molto impegnativo e laborioso.

La fase progettuale in cui si comincia a pensare al soggetto è a settembre, per poi iniziare la lavorazione dei personaggi in cartapesta nel mese di novembre.

Il lavoro più delicato è affidato ai pittori che devono colorare i pupazzi e le scenografie dei vari carri.

Alla sfilata partecipano cinque borghi e attualmente sono: borgo dei Matti, borgo Torre, borgo Piazza, borgo Fuori le mura e il borgo dei Giovani.

Grande attenzione è riservata alle sarte che nei loro laboratori, con lavori certosini, confezionano i costumi che danno il tocco di classe ed armonia alla sfilata.

Di grande attesa è la sfilata notturna che si svolge il sabato che precede il Martedì Grasso, mentre le sfilate sono quattro, durante il periodo carnevalesco, l’ultima è proprio il martedì grasso durante il quale si provvede a premiare il carro allegorico più bello e tutti si sfidano a colpi di coriandoli e stelle filanti.

Dolci tipici del carnevale carignanese

dolci carnevale di carignano
Zest, i dolci del Carnevale di Carignano – Foto: www.ilgiornaledelcibo.it

In occasione del Carnevale, è possibile gustare gli zest, rinomato ed apprezzato dolce carignanese, che risale al XVI secolo.

Il nome Zest deriva dal Francese “Zeste” e sta ad indicare la buccia o scorza della frutta, in realtà si tratta proprio delle scorze di agrumi candite e sono ora annoverati tra i prodotti PAT della Regione Piemonte.

Anticamente era offerto dai Sindaci ai personaggi illustri in visita alla Città: lo gustarono, tra gli altri, re e duchi, ambasciatori e vescovi.

Si utilizzano le scorze di limone, arancio, cedro o bergamotto, dopo essere state messe in acqua fresca, si lasciano in ammollo, per circa 24 ore, affinché perdano il tipico sapore amaro e si procede alla bollitura per circa 20 minuti. Una volta scolati, si ripete la bollitura per altri 20 minuti per completare la cottura.

Le bucce lessate, raffreddate e tagliate a listarelle di circa un centimetro si passano in padella per essere candite con un bicchiere di acqua e uno di zucchero, fino all’ebollizione completa dell’acqua.

Si lasciano raffreddare su carta da forno e si gustano semplicemente candite.

Nella variante più golosa, gli zest, si possono bagnare nel cioccolato fondente, si dispongono su carta da forno per l’asciugatura per poi essere serviti.

Programma Carnevale di Carignano 2019

programma carnevale carignano 2018

Per tutte le informazioni e le date sul programma del Carnevale di Carignano 2018, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale della manifestazione carnevalesca Piemontese.

CONDIVIDI