Carnevale di Gallipoli 2019: sfilata dei carri, date e programma

10309
carnevale gallipoli 2018
Carnevale di Gallipoli – Foto: www.salento.com

State cercando la destinazione perfetta per trascorrere il Carnevale all’insegna dell’allegria, immersi in un’atmosfera magica? Allora non ci sono dubbi: scegliete il Carnevale di Gallipoli, meta ideale per voi e la vostra famiglia!

Pensando a questa cittadina pugliese, incastonata nel cuore del Salento, la mente corre subito alle sue spiagge cristalline, ai vicoletti tortuosi, ai ristoranti del centro storico in cui gustare ottimo pesce con vista sul castello Angioino Aragonese. E’ quindi facile pensare a Gallipoli come meta esclusivamente estiva.

In realtà questo paesino è in grado di regalare suggestioni uniche anche d’inverno, particolarmente durante il periodo di Carnevale, momento in cui la città si risveglia svelando le sue tradizioni più autentiche.

Andiamo allora a ripercorrere insieme la storia del Carnevale di Gallipoli, che vanta origini molto antiche ed oggi attira migliaia di turisti, esattamente come accade nelle città di Venezia e Viareggio.

Storia del Carnevale di Gallipoli

storia carnevale gallipoli 2018
Carnevale di Gallipoli – Foto: www.gallipolinelsalento.it

Il Carnevale di Gallipoli è tra i più antichi e famosi di tutta la regione Puglia e si appresta a festeggiare nel 2018 il suo settantasettesimo compleanno.

La manifestazione risale infatti all’ormai lontano 1941, anno in cui si svolse la sua prima edizione, ma si ritiene che i primi riti legati a questo evento risalgano addirittura al Medioevo.

La festa inizia ogni anno il 17 Gennaio, data in cui si celebra Sant’Antonio Abate accendendo in suo onore un gigantesco falò composto da rami di ulivo: si tratta della famosa “focara” salentina che segna l’inizio del carnevale gallipolese, momento in cui sacro e profano si intrecciano con armonia.

Dopo l’ accensione de “Lu Focu” La manifestazione prosegue con la sfilata di maschere e carri allegorici realizzati in cartapesta, che attraversano Corso Roma e le vie del centro storico, regalando a cittadini e turisti indimenticabili momenti di spensieratezza in un vortice di musica, coriandoli e colori.

Ma qual’è la maschera che rappresenta la vera anima del Carnevale di Gallipoli?

Senza alcun dubbio è quella di Teodoro, in dialetto Lu Titoru, protagonista indiscusso della tradizione carnevalesca salentina.

La leggenda narra che Teodoro fosse un giovane soldato pugliese, rientrato in licenza nella sua adorata Gallipoli proprio per festeggiare il Carnevale. Desideroso di apprezzare nuovamente le delizie gastronomiche della sua terra prima del lungo digiuno della Quaresima Lu Titoru chiese alla mamma di preparargli il suo piatto preferito: un gustoso piatto di polpette di carne.

Booking.com

La madre assecondò il desiderio del ragazzo, preparandogli un’ enorme porzione di polpette ma senza immaginare che questo naturale gesto di amore materno avrebbe portato alla tragedia: preso dalla golosità e dall’euforia Teodoro morì strangolato da una polpetta, lasciando la famiglia nella più cupa disperazione.

Da allora lo sfortunato Teodoro rappresenta la maschera principale del Carnevale di Gallipoli: il suo carro funebre sfila ogni anno in mezzo alle altre maschere allegoriche, ricordando a tutti il suo triste destino.

Teodoro è rappresentato con il viso metà rosso e metà giallo, gli stessi colori della bandiera di Gallipoli, ed è il protagonista indiscusso della festa.

Durante la sua sfilata per le vie della città Titoru è accompagnato da alcune figure che hanno rivestito un ruolo chiave nella sua tragica storia: la maschera della Caremma rappresenta la sua mamma in lutto, che simboleggia anche il digiuno quaresimale; le Chiangimorti chiudono il corteo e interpretano le comari del quartiere disperate per l’assurda morte del giovane soldato.

Carri del Carnevale di Gallipoli

Come tipicamente avviene nelle sfilate di Carnevale che si svolgono in altre città d’Italia e del mondo, anche il Carnevale di Gallipoli cambia ogni anno il tema dei suoi carri allegorici, senza ovviamente dimenticare il suo protagonista Teodoro!

Nel 2018 il programma si preannuncia imperdibile ed in parte completamente rivoluzionato. Per la prima volta dopo 76 anni infatti, il Carnevale cambierà location, abbandonando il tradizionale percorso di Corso Roma per spostarsi sul bellissimo lungomare della città.

Le sfilate si svolgeranno il 4, 11 e 13 Febbraio ed i carri allegorici saranno ispirati ad un tema di grande attualità: Gossip e televisione…quindi si preannunciano assolutamente accattivanti!

L’evento si svolgerà in grande stile, con quattro carri che si sfideranno in gara accompagnati lungo il percorso da cantanti, mangia fuoco e giocolieri. Non mancherà a fare da colonna sonora il ritmo inconfondibile della pizzica, il tradizionale ballo tipico del Salento.

Nelle giornate di festa ci sarà anche l’opportunità di entrare all’interno della “Fabbrica del Carnevale”, visitando i capannoni in cui realizzano i carri di cartapesta che ogni anno di più assumono la sembianza di vere e proprie opere d’arte.

Oltre a coinvolgere tutti nell’allegria di un carnevale indimenticabile, l’obiettivo degli organizzatori è quello di avvicinare giovani e meno giovani all’arte della cartapesta, che riveste un ruolo centrale nella cultura e nella tradizione artigianale di Gallipoli e dell’intera Puglia.

Che cosa si inventeranno quest’ anno i maestri della cartapesta per stupire il pubblico e far vincere il proprio carro? Non vi resta che scoprirlo di persona, organizzando il vostro soggiorno a Gallipoli in occasione del prossimo Carnevale.

Date del Carnevale di Gallipoli 2019

L’Edizione del Carnevale di Gallipoli 2019 sarà spettacolare grazie ad un calendario e ad un programma ricco di eventi. Come di consueto, sono previste le sfilate in maschera per le vie più importanti della città accompagnate dai gruppi musicali e da tanta buona musica. Eventi principali della manifestazione:

Date:

Orario:

Prezzi:

Biglietti:

Programma completo: tutte le info le potete trovare sul sito ufficiale della manifestazione.

CONDIVIDI