Carnevale Misterbianco 2019: i costumi più belli di Sicilia!

1299
carnevale misterbianco 2018
Carnevale di Misterbianco – Foto: Luca Zagarella

Il Carnevale di Misterbianco è una festa in maschera tra le più importanti della Sicilia.

Ogni anno si svolge in provincia di Catania e la manifestazione vede la partecipazione di gruppi mascherati, spettacoli musicali, appuntamenti gastronomici e grandi sfilate di carri allegorici.

Si tratta di un evento adatto a grandi e piccini e che permette di ammirare i costumi più belli di Sicilia.

L’edizione 2018 del Carnevale di Misterbianco quest’anno si svolgerà dal 3 al 13 Febbraio e la sua caratteristica principale sarà quella di fondere tra loro cultura, teatro, divertimento, folklore e artigianato.

Un altro aspetto che contraddistingue questo carnevale è la ricercatezza dei costumi, realizzati artigianalmente ogni anno.

Il programma prevede la sfilata dei gruppi mascherati e dei carri allegorici lungo Via Gramsci e le vie del centro storico, così da poter essere ammirati in tutto il loro splendore dal pubblico, composto tanto dai cittadini quanto dai turisti.

L’apertura della manifestazione mascherata è sancita dall’inaugurazione della mostra Carnevale in Cornice il 3 febbraio, mentre il giorno seguente tocca a quella della personale di Edoardo Pugliesi.

Successivamente si tiene la sfilata dei carri e la festa in maschera per il circuito cittadino.

Questi ultimi due eventi si ripeteranno anche la Domenica successiva e il Martedì Grasso, prevedendo un diverso ordine nella disposizione dei carri e dei gruppi.

Particolare rilievo viene dato alla sfilata di Martedì Grasso al cui termine si svolge la premiazione finale del carro allegorico e del costume più bello in Via Gramsci.

Si tratta dell’evento culmine della manifestazione e, proprio per questo motivo, la tradizione carnevalesca di Misterbianco spinge gli artigiani e le associazioni partecipanti a iniziare a preparare i carri scenografici e i costumi per l’edizione successiva appena si è conclusa quella dell’anno in corso.

Il Carnevale di Misterbianco si distingue da altre manifestazioni dello stesso genere per la rilevanza data anche alla gastronomia locale.

Ecco perché, mentre si festeggia con coriandoli e stelle filanti, è possibile gustare i prodotti tipici presso gli stand aperti lungo le vie del centro storico.

Storia del Carnevale di Misterbianco

carnevale misterbianco 2018 storia
Costumi del Carnevale di Misterbianco – Foto: Luca Zagarella

La storia del Carnevale di Misterbianco affonda le sue radici intorno agli anni quaranta da una tradizione affine alla commedia dell’arte siciliana chiamata appunto “a Mascara”.

Nello specifico si trattava di compagnie amatoriali locali che si esibiva in farse.

Gli spettacoli avevano inizio la domenica di Carnevale quando le maschere si esibivano nelle zone più antiche del paese che si popolavano di spettatori dopo il pranzo a base dei tradizionali maccheroni con sette buchi conditi con salsiccia.

“A Mascara” pur esprimendosi attraverso una satira dai toni piuttosto pungenti era solita non toccare alcuni argomenti considerati, per qui tempi, dei tabù come la politica e la religione.

Booking.com

Gli attori impersonavano macchiette del luogo e recitavano esclusivamente in vernacolo rendendo più facile, grazie ai termini coloriti dialettali, i giochi con i doppi sensi.

Negli anni del dopoguerra questa tradizione riprese vigore scrivendo nuove pagine della storia del Carnevale di Misterbianco. I tempi erano cambiati e ora si poteva scherzare su quasi tutto.

Era comunque tempi duri, quelli post-bellici, segnati dalla povertà e dall’incertezza e, anche per questo, la festa di carnevale sembrava rappresentare un’oasi di spensieratezza.

Proprio in quel periodo vedono gli albori i taburredi, ovvero delle case che ospitavano balli in maschera accompagnati dal suono di fischietti e tamburelli.

Erano queste le rare occasioni di divertimento e, inoltre, nessuno si sentiva in difficoltà per non avere un vestito nuovo perché per travestirsi bastava uno straccio vecchio.

I taburredi negli anni Cinquanta diventarono i “fistini”, dei veri e propri locali notturni allestiti per le feste danzanti carnevalesche.

Oltre a questi luoghi di ritrovo il punto del paese che in tutta la storia del Carnevale di Misterbianco si identifica per essere il cuore pulsante di questa manifestazione è la piazza.

Un palcoscenico all’aperto che accoglie misterbianchesi e i visitatori forestieri.

Negli anni Settanta i ragazzi si mettevano ai brodi della piazza attendendo che le ragazze mascherate venissero ad invitarli a ballare.

Il Carnevale permetteva al sesso debole di sentirsi liberi di prendere l’iniziativa, così incappucciate e con maschera e veletta per le “babbalute” era più facile comportarsi in modo disinibito.

Carri del Carnevale di Misterbianco

La svolta del Carnevale di Misterbianco è negli anni Ottanta, quando, dopo la nascita della sfilata di “maschere spontanee”, ha preso il via la creazione dei primi prototipi di carri allegorici.

Grazie all’impegno dei soci del Circolo Universitario e Professionisti, in pochi anni e senza strappi, i balli in maschera furono sostituiti dalle sfilate che ad oggi fanno del Carnevale di Misterbianco uno dei più famosi di Sicilia.

La creatività diventa un viatico per accogliere e conquistare i turisti in un mix ben bilanciato di musica, spettacolo, degustazione di cibi tipici e folklore.

I carri del Carnevale di Misterbianco e i suoi costumi sono frutto sapiente di un artigianato locale che tiene alta la bandiera delle eccellenze del territorio.

Non a caso è proprio questo carnevale a cui viene attribuito, anche a livello internazionale, il riconoscimento dei costumi più belli della Sicilia.

Oltre a questo, in città è possibile visitare tutto l’anno il museo dei “Costumi più belli di Sicilia” che ha sede presso lo Stabilimento Monaco.

A Misterbianco nessun Carnevale è uguale all’altro. L’intero paese si mobilita per stupire lo spettatore.

Durante tutto l’anno i vari gruppi dei carri allegorici lavorano per realizzare creazioni sempre più competitive tra loro. Battere i primi classificati dell’anno precedente è quasi una missione.

Bisogna tener conto che dietro ad un evento di tale portata c’è l’entusiasmo travolgente e il sacrificio costante di molte persone.

Le Associazioni del territorio, infatti, collaborano tra loro all’unisono con l’amministrazione comunale per offrire una manifestazione che sappia regalare sano divertimento e celebrare, in chiave moderna, le antiche tradizioni affinché non vadano disperse creando un vuoto identitario per le nuove generazioni.

Tale è il successo di questo imperdibile appuntamento da essere stato insignito del ruolo di ambasciatore della creatività e della passione siciliana nel mondo.

Partecipare alla sfilata dei carri del Carnevale di Misterbianco significa aver modo di vivere un’esperienza indimenticabile che va ben oltre ai soliti lazzi carnevaleschi.

Date del Carnevale di Misterbianco 2019

date carnevale misterbianco 2018

Per informazioni sulle date e sul programma dell’edizione 2018 del Carnevale di Misterbianco, vi invitiamo a consultare il sito web di riferimento della manifestazione siciliana.

CONDIVIDI