carnevale di nichelino

Carnevale di Nichelino 2023

Il Carnevale di Nichelino è un evento da non perdere nel programma delle feste di Carnevale in provincia di Torino. La città piemontese, infatti, offre ai suoi cittadini e ai visitatori un’esperienza ricca di divertimento e gioia.

Le vie della città si tingono di colori vivaci e sgargianti. Chi partecipa alla sfilata viene travolto da turbinio di emozioni positive, allegria e spensieratezza.

Tra maschere, coriandoli, costumi e carri allegorici, vivrai tre magnifiche giornate di Carnevale in Piemonte. I carri in cartapesta di Nichelino ritraggono i personaggi che rappresentano la città durante questa festa: Madama Farina e Monsù Panaté ai quali vengono consegnate le chiavi della città.

Anche i comuni ospiti, durante la manifestazione, sfilano con i loro carri e costumi tipici dei loro paesi e delle proprie città.

Il corteo mascherato, dopo aver percorso la strada principale della città, si riunisce in Piazza Di Vittorio dove si aprono le danze con dj set e balli sfrenati.

Ogni anno ai più piccoli è dedicato il Carnevale dei Bambini. La festa in maschera per grandi e piccini si svolge nella storica cornice della Palazzina di Caccia degli Stupinigi. Qui i costumi d’epoca riportano indietro nel tempo le famiglie che partecipano all’evento.

Questa festa in maschera è anche l’occasione adatta per assaggiare i dolci tipici della festa più bella di Febbraio, per questo i volontari AVIS offrono le chiacchiere, chiamate anche frappe o bugie, in piazza.

I festeggiamenti, dopo le prime due edizioni, quelle del 2017 e del 2018, non si limitano più a una sola giornata, ma proseguono per tre giorni ricchi di eventi imperdibili.

Dal 2019, infatti, gli organizzatori della manifestazione hanno deciso di prolungare il divertimento in occasione del carnevale. Le giornate sono caratterizzate da balli in maschera, costumi di supereroi e personaggi dei cartoni animati, sfilate di carri allegorici e molto altro.

La prima edizione del Carnevale di Nichelino si è tenuta nel Febbraio 2017: la volontà di avere una manifestazione propria ha portato le numerose associazioni folkloristiche a creare degli eventi che lasciassero il segno tra gli abitanti e i visitatori.

Ognuna delle associazioni ha curato tutti i dettagli con la massima attenzione. Nella prima manifestazione carnevalesca hanno partecipato in totale 11 carri allegorici di città limitrofe.

Il carnevale del 2017 ha visto sfilare i carri allegorici nelle vie della città e nelle stesse ore si è svolta la festa per i più piccoli in Piazza Di Vittorio, il Carnevale dei Bambini. Ai più piccoli erano dedicate le giostre, i gonfiabili e le tante bancarelle con caramelle e dolciumi.

Negli anni successivi la festa di Carnevale di Nichelino si è articolata in più giornate per dare a tutti la possibilità di partecipare sia alla sfilata che alla festa dei più piccoli.

A partire dalla terza edizione, quella del 2019, ci sono state tante novità. Il divertimento si è più che raddoppiato, si è addirittura triplicato: i festeggiamenti sono stati organizzati in maniera tale da coprire tre giornate per rendere la festa di carnevale ancora più coinvolgente.

Nella prima giornata si tiene la festa con balli in maschera e apericena. Il secondo giorno è dedicato ai più piccoli per i quali è stato riservato un Carnevale dei Bambini con un intrattenimento tutto per loro.

Infine, nell’ultima giornata il corteo mascherato percorre le strade della città sfilando sui carri allegorici della città e dei diversi comuni ospiti.

Proprio nel Carnevale 2019 sono state scelte le maschere che ancora adesso rappresentano gli abitanti di Nichelino: Monsù Panaté e Madama Farina.

Nella Palazzina di Caccia degli Stupinigi si tiene la cerimonia simbolica di investitura delle due maschere tradizionali della città. Qui il sindaco consegna le chiavi della città ai due personaggi del Carnevale di Nichelino.

Le maschere tradizionali del Carnevale di Nichelino

Dietro le maschere tipiche di Nichelino di Monsù Panaté e Madama Farina c’è una storia molto particolare che risale al periodo in cui è nato l’antico “feudo di Nichelino”. All’epoca esistevano due borgate: quella di Palazzo e quella di Nichelino.

La Borgata di Nichelino era considerata la più importante delle due perché era dotata di un forno pubblico, un bene indispensabile per il benessere dell’intera comunità.

L’ispirazione per una delle due maschere della città, quella di Monsù Panaté, è arrivata proprio dalla figura fondamentale del forno: il panettiere senza il quale il forno non poteva funzionare.

Volendo studiare l’etimologia di questo nome possiamo notare che Monsù deriva dal francese monsieur. La parola Panaté invece deriva direttamente dal dialetto piemontese e indica appunto il panettiere.

Altro elemento indispensabile per tenere il forno attivo è la materia prima con cui si prepara il pane: la farina. Da qui è nata la maschera di Madama Farina, in ricordo dei tanti agricoltori che si dedicavano alla coltivazione del grano nei terreni di Stupinigi.

Abbiamo quindi una coppia formata dal monsieur e dalla madama che metaforicamente dalla loro unione hanno permesso agli abitanti di Nichelino di sostentarsi e nutrirsi con il pane cotto nel forno pubblico dal fornaio e con la farina prodotta dai contadini del posto.

Le due maschere scelte per rappresentare gli abitanti della città piemontese indossano gli abiti del popolo. I colori del costume della Madama Farina sono il giallo della materia prima con cui si produce la farina, il grano e il bianco della farina stessa.

Il fornaio invece indossa un costume da popolano dell’epoca settecentesca con tanto di grembiule e di pala per sfornare il pane.

Gli abiti semplici delle maschere allegoriche rappresentano alla perfezione i valori tradizionali delle antiche Nichelino e Stupinigi: l’umiltà e la semplicità.

Sfilata dei carri allegorici

La sfilata di carri allegorici è un evento molto coinvolgente poiché i personaggi realizzati in cartapesta ritraggono le maschere tipiche della città piemontese e dei comuni ospiti del carnevale di Nichelino.

Solitamente il corteo in maschera è aperta dalla Banda Musicale Civica Giacomo Puccini. Molto divertente e caratteristica è anche l’esibizione delle majorette dei diversi comuni che partecipano alla manifestazione.

Il percorso seguito dalla sfilata parte da via Torino e prosegue per via XXV Aprile fino ad arrivare in via San Matteo. La tappa finale del corteo mascherato è Piazza Di Vittorio dove potrai trovare bancarelle con caramelle, lecca lecca e ogni tipo di dolciume.

Nella piazza sono presenti attrazioni di vario genere per l’intrattenimento e il divertimento di grandi e piccoli.

Durante la festa di carnevale potrai ammirare le sculture in cartapesta realizzate con maestria e abilità dagli artisti di Nichelino e di tutti gli altri comuni partecipanti. La sfilata è, inoltre, allietata da costumi colorati, maschere, musica e coriandoli.

Nella Palazzina di Caccia degli Stupinigi invece si respira un’aria ben diversa, di tutt’altro periodo storico. Qui, infatti, in occasione del carnevale si riunisce una corte in abiti d’epoca pronta ad accogliere tutti i bambini mascherati.

Sulle musiche settecentesche si esibiscono nobildonne e gentiluomini vestiti di seta, con panciotti, bustini e adornati di parrucche e ruches.

Le famiglie in visita alla Palazzina potranno rivivere le origini del carnevale immersi in un’atmosfera “Tra sogno e realtà”, come indica il nome stesso dell’evento.

Programma del Carnevale di Nichelino 2023

L’Edizione del Carnevale di Nichelino 2023 sarà spettacolare grazie ad un calendario e ad un programma ricco di eventi. Come di consueto, sono previste le sfilate in maschera per le vie più importanti della città accompagnate dai gruppi musicali e da tanta buona musica.

Eventi principali della manifestazione:

  • Date: 04, 05, 10 febbraio 2023
  • Luogo: Nichelino
  • Orario: –
  • Programma: clicca qui per maggiori informazioni
  • Biglietti: ingresso gratuito
error: Content is protected !!