Carnevale Lombardia 2021

Carnevale di Valtorta 2021


Il Carnevale di Valtorta (toponimo che indica una valle storta) è una festa in maschera di antiche tradizioni che si tiene in un paesino montano dell’alta Val Brembana, in provincia di Bergamo.

Questa manifestazione folkloristica è una di quelle che esprimono gli antichi valori e le antiche condizioni della civiltà contadina, in questo caso ovviamente di tipo montano.

Essendo Valtorta di tradizione liturgica ambrosiana, il Carnevale viene celebrato il sabato seguente al mercoledì delle Ceneri.

Dunque, siete pronti a fare un tuffo nelle tradizioni più autentiche del Carnevale in Lombardia?

Origini del Carnevale di Valtorta

Il Carnevale di Valtorta ha origini povere proprio perché di lontana derivazione, ispirato dai tempi in cui in montagna si conduceva una vita di pura sussistenza. Anche per questo però è portatore di sentimenti e tematiche originali.

I suoi tipici personaggi in maschera dichiarano immediatamente le caratteristiche di questo carnevale.

Il Vècio è il capo del Carnevale di Valtorta, di cui amministra lo svolgimento facendo uso di un campanaccio appeso in vita.

Il diavolo (ol Furchetì) è l’elemento destabilizzatore tipico di questa realtà culturale e religiosa. Durante la festa in maschera disturba gli astanti, ingaggiando sfide con il Vècio.

Si hanno poi altri importanti personaggi.

Durante il Carnevale di Valtorta, le maschere dei Belli sono accostate in contrapposizione con le maschere dei Brutti.


Il tentativo, nel caso dei Belli, è quello di ambire a vestire almeno una volta all’anno, i panni di una categoria sociale fuori dalla propria portata economica.

Nel caso dei Brutti, il più delle volte il tentativo è quello di scherzare, prendere in giro (ulteriormente) soggetti che la vita si è ampiamente dimenticata di favorire.

Anche a Valtorta le cose vanno così.

Il gruppo dei Brutti è composto principalmente da maschere di anziani (i Barba e le Mède – gli zii non sposati) che col personaggio esprimono varie occupazioni, tipiche comunque del territorio montano.

Portano maschere di stoffa, di legno, di cartapesta con tratti fortemente caricaturali. Infastidiscono la gente parlando con voce camuffata.


Sull’altro versante ci sono i Belli (i Balerì) che sono rappresentati da coppie uomo-donna con vestiti e maschere di fattura più distinta. In particolare l’uomo (ol Capelù) ha il volto velato e porta il cappello a cono (accessorio diffuso nei carnevali di tutta Europa).

Questi ballerini ballano sulla musica che accompagna la allegra e rumorosa compagnia. I Belli rigorosamente non parlano (come d’alta parte non parlano sia il Veciò che il Diavolo).

Il mistero dietro ad un personaggio del Carnevale di Valtorta

Altri personaggi particolari di questo carnevale sono il SanBernardo (detto anche Diaolì) e quelli che incarnano il Bosco, vestiti di corteccia, rami o foglie.

Il SanBernardo, in particolare, non è altro che un diavolo-bambino con un ruolo però preciso: disturba il vero Diavolo, cercando di distoglierlo dai suoi malvagi propositi, trascinandolo ogni tanto con una catena.

Questo SanBernardo è ispirato ad uno dei patroni del paese. San Bernardo (ci si riferisce a quello di Mentone) è infatti uno dei Patroni della frazione Costa e nell’iconografia viene sempre rappresentato con un diavolo alla catena.


Alcune cronache del passato dicono che un tempo per tutta la sfilata il Diavolo rimaneva trattenuto dal SanBernardo.

Le cose poi sono cambiate e il Diavolo oggi ha più libertà (oggi nella sfilata ce n’è anche più di uno), ma il perché la tradizione popolare a Valtorta faccia personificare il SanBernardo ad un bambino vestito da diavolo, rimane un mistero.

La sfilata delle maschere e il finale

carnevale di valtorta

Come dicevamo, a Valtorta il carnevale si celebra nel pomeriggio del sabato grasso ambrosiano. La sfilata generalmente parte dalla frazione Cantello e via via, per strade e sentieri, tocca quasi tutte le altre frazioni del paese, vedendo ingrossare, con personaggi di ogni tipo, le proprie fila.

Ad ogni fermata si viene ristorati da bevande e dolci di Carnevale offerti spontaneamente dalla gente che apre le proprie case per il carnevale.

Il finale, dopo alcune ore di gioiosa pazzia, avviene nella frazione centrale del paese nella quale si accende un piccolo falò, si consumano gli ultimi scherzi, si canta, si balla e ci si …svela.


Il disvelamento

Il disvelamento dichiara che in fondo era veramente tutto uno scherzo. Chi tra i presenti avrà provato ad indovinare quali identità si nascondevano sotto le maschere della sfilata troverà magari soddisfazione.

Il carnevale di Valtorta è anche questo: una messinscena liberatoria a dimostrazione che al di là di facezie, raggiri, turbamenti si è comunque gli stessi e si può ricominciare a vivere proprio come la Natura farà di lì a poco, avviandosi alla Primavera.

Programma e Date del Carnevale di Valtorta 2021

Come di consueto, è prevista la sfilate in maschera per le vie più importanti della città accompagnate dai gruppi musicali e da tanta buona musica. Eventi principali della manifestazione:

Date:

Orario:

Prezzi: ingresso gratuito

Programma completo: tutte le info le potete trovare sulla fanpage ufficiale della manifestazione.

Similar Posts